Le cinture provenivano dalla Turchia ed erano destinate a una società tedesca, poi denunciata. Sulle cinture avevano marchi e diciture contraffatte.

truffa-marchi-brevetti

TRIESTE I finanzieri del Gruppo di Trieste e i funzionari del Servizio Antifrode dell’Ufficio delle Dogane hanno sottoposto a sequestro più di 12mila cinture contraffatte, denunciando il responsabile dell’azienda destinataria delle stesse per contraffazione e vendita di prodotti industriali con segni mendaci. Sulle cinture, infatti, i finanzieri hanno riscontrato l’indebita apposizione del marchio internazionale “vera pelle”, accompagnato da diciture sulla genuinità del pellame in lingua tedesca ed inglese.

Le cinture provenivano dalla Turchia ed erano destonate a una società tedesca che è risultata non essere licenziataria del marchio internazionale “Unic”.

Il sequestro è avvenuto nel Punto franco nuovo nel porto di Trieste, nell’ambito delle iniziative du contrasto ai traffici illeciti, attività che pongono una particolare attenzioone alla titela dei “made in Italy” e dei marchi e brevetti.

25 giugno 2016 – www.ilpiccolo.gelocal.it

Puoi leggere l’articolo al seguente link: http://ilpiccolo.gelocal.it/trieste/cronaca/2016/06/25/news/sequestrate-nel-porto-di-trieste-12mila-cinture-contraffatte-1.13720492

 
© 2017 All rights reserved - Gruppo Ponzi investigazioni s.r.l. - PI 03716870237
Sede Legale: Via Roveggia n° 126 - 37136 - Verona (VR) - REA VR-359646 di Verona