Se temi l’infedeltà da parte del tuo partner noi possiamo aiutarti a fare chiarezza

Infedeltà coniugale: traditori e traditi
Scoprire un tradimento non è facile, ma pescare il traditore si può.

Quando in una coppia persiste l’infedeltà coniugale da parte di uno dei due partner, il traditore e il tradito svolgono due ruoli distinti e separati. Il primo s’ingegna in tutti i modi per riuscire a mantenere all’oscuro di tutto l’altro membro della coppia, mentre il secondo, qualora nutrisse dei sospetti, si attiverà per cercare di scoprire la verità. In realtà esistono delle distinzioni sia tra diverse tipologie di traditori sia tra le diverse reazioni da parte delle persone tradite.

“Geografia” dei traditori
Esistono molte tipologie di persone che si macchiano di tradimento coniugale.

Cominciamo dai traditori. Questi si distinguono in seriali, paralleli e occasionali. Della fascia dei traditori seriali fanno parte tutte quelle persone che tendono a trasgredire ripetutamente, quasi come se fosse un impulso passionale ed istintivo così forte da non riuscire a controllare il desiderio. Tali soggetti non accettano una
normale vita di coppia, ma necessitano sempre della presenza di una terza persona accanto a loro. Si tratta nella maggior parte dei casi di un mero bisogno fisico che può essere stimolato da diverse cause. A seconda di queste, i traditori seriali si distinguono a loro volta in due sotto-categorie principali: i collezionisti e i qualunquisti. Nel primo caso si ricerca un amante di bell’aspetto, il quale rispetti tutti i canoni per essere ammirato. In questo modo il traditore sente di aver ottenuto un importante trofeo che può essere fiero di esibire. A far parte di questa categoria sono per lo più traditrici di genere femminile. Gli uomini invece rientrano per la maggiore nella seconda sotto-categoria: quella dei qualunquisti. Questi non prestano particolare attenzione al fisico o alla personalità di chi incontrano, a loro interessa soltanto la preda ed aggiungere al proprio palmares quanti più amanti possibili, accontentandosi anche di qualcuno che non possieda i canoni da lui preferiti. I paralleli sono dei calcolatori nati. Grazie a tale capacità riescono a mantenere per molto tempo diverse relazioni. Oltre a quella ufficiale con il partner, sostengono magistralmente altre relazioni amorose con una o più persone senza commettere il minimo errore. Ciò significa che sanno prestare particolare attenzione per non lasciarsi sfuggire alcun riferimento agli altri amanti. Parliamo al plurale proprio perché non è detto che questo sia unico. I paralleli possono essere sia monogamici che poligamici. Questi ultimi sono per lo più uomini con numerose donne, ciascuna delle quali possiede un particolare aspetto molto apprezzato dal traditore: è quindi come se ognuna delle sue amanti avesse una funzione specifica. Abbiamo infine gli occasionali, traditori che non agiscono sempre, ma soltanto se mossi da una motivazione particolare. La maggior parte delle volte si tratta di una semplice vendetta per un qualche torto subito. Anche in questo caso vi è una distinzione in due principali sotto-categorie. Questa volta si parla di “pisquani” e “gattoni”. I primi sono generalmente persone semplici, le quali per qualche motivo non vivono bene la relazione con il proprio partner e che non aspettano altro se non l’occasione per tradire, ma si accingono a farlo sul serio soltanto se hanno l’opportunità servita su un piatto d’argento. A questa sotto-categoria appartengono per lo più uomini che incontrano donne desiderose di salvarli dalla ”condizione” difficile in cui si trovano. Tra i gattoni vi sono invece più donne, pronte ad “avvinghiarsi’” sul primo uomo interessante che incontrano.

“Geografia” dei traditi
Per lo più si tende a sopportare, ma la cosa migliore è reagire.

Più sinteticamente possiamo parlare dei traditi. In questo caso si hanno solamente due categorie principali: i passivi e i dominanti. I passivi costituiscono la quasi totalità dei traditi. Sono quelli che, anche se nutrono sospetti, o addirittura hanno la certezza circa l’infedeltà del proprio partner, tendono a rimanere in silenzio e a sopportare la situazione in cui vivono. Da un lato però bisogna chiedersi perché il proprio partner sia stato indotto al tradimento. In molti casi tutte le colpe non sono imputabili a lui, ma qualche responsabilità è anche della persona che viene tradita. I dominanti sono un esempio lampante di questo perché sono dei traditi che si sono comportati male verso il proprio partner, il quale ad un certo punto ha raggiunto il limite della sopportazione
ed ha reagito di conseguenza. Regole adottate dal traditore per non farsi scoprire. I segnali del tradimento coniugale possono essere difficili da percepire nei casi in cui il traditore presti una certa attenzione. Tradire senza essere scoperti, in sé non è molto facile. Si tratta di un’azione che comporta una certa cura dei dettagli, quindi è anche stressante da un certo punto di vista. Ti chiederai allora come sia possibile che qualcuno sia spinto a farlo. Si tratta di impulsi che non hanno niente a che vedere con la razionalità, per cui non è questa
la domanda giusta. Ciò che dovrai chiederti è: quali sono le strategie che il traditore adotta per non farsi “sgamare”? Sono in realtà delle regole molto semplici, le quali se applicate con cura possono anche funzionare.
Innanzitutto il cellulare deve diventare inaccessibile. Il traditore attento sa però che se tali restrizioni vengono introdotte all’improvviso, i suoi familiari potrebbero facilmente insospettirsi. Per questo motivo s’ingegnerà non solo ad acquistare un nuovo cellulare, riservato esclusivamente alle conversazioni con l’amante, ma lo intesterà ad un’altra persona e lo conserverà in un posto sicuro. Un’altra attenzione particolare è quella verso i profumi o le possibili macchie lasciate dall’amante sui suoi vestiti. È per tale ragione che il traditore tende a procurarsi un doppione di ogni indumento che indossa, utilizzando un completo esclusivamente per gli incontri extraconiugali. L’ultima accortezza consiste nel non utilizzare durante gli incontri l’auto familiare. Questo non solo allo scopo di evitare che l’amante possa lasciare eventuali indizi, ma anche per scongiurare un eventuale dubbio dovuto al numero sul contachilometri.

Ci sono stati anche casi di traditori particolarmente “avventurosi” che per stare lontani da occhi indiscreti hanno percorso diversi chilometri per raggiungere un luogo sicuro in cui vedersi con l’amante! Altri che hanno noleggiato l’auto non solo per non lasciare tracce in quella familiare, ma anche per non farsi riconoscere da eventuali conoscenti in zona. Tra i più avventati c’è anche chi ha coinvolto amici come copertura!

Moglie infedele o marito infedele: cosa fare?
In caso sospetti di tradimento potrai rivolgerti all’investigatore privato Ponzi Luciano.

Tuttavia in tantissimi casi il traditore non è infallibile, quindi se hai dei dubbi sul tuo partner ti conviene aprire gli occhi e cominciare a prestare un’attenzione particolare verso i suoi comportamenti. In particolare se vi sono improvvisi cambiamenti nelle sue azioni potrebbe trattarsi di tradimento se:
• il cellulare diventa inaccessibile a te e ad altri membri del nucleo familiare;
• noti nel tuo partner una cura maggiore verso il proprio aspetto fisico;
• trascorre fuori casa più tempo del solito anche quando non lavora;
• si registra un eccessivo aumento delle spese;
• il lavoro diventa stranamente più impegnativo.
Noti che il suddetto profilo corrisponde a quello del tuo partner. È quindi probabile che ti stia tradendo. In ogni caso non ne hai la certezza, per cui cerca di stare calmo e non fare mosse azzardate. Non provare ad affrontarlo o a fare scenate, non servirà a nulla perché negherà in ogni caso e potresti solamente peggiorare la situazione.
La cosa migliore da fare in questi casi è rivolgersi ad un investigatore privato riconosciuto legalmente.

Professionista in questo campo è l’investigatore Ponzi Luciano. Per quanto riguarda la tua privacy potrai stare sereno, gli investigatori della nostra agenzia lavorano sempre nel massimo rispetto della tua riservatezza.
Durante il suo lavoro l’investigatore si occuperà di:
• monitorare h 24 le abitudini del sospettato;
• indagare sulle sue frequentazioni, sia durante l’orario di lavoro che nel tempo libero;
• scattare foto e procurarsi immagini video se colto in situazioni sospette;
• preparare una relazione con il materiale raccolto al termine delle indagini.

Se i sospetti saranno fondati e sei stato effettivamente tradito dal partner, l’investigatore privato, con il servizio di investigazione per infedeltà coniugale, sarà in grado di fornirti tutte le prove, grazie alle quali a livello legale potrai far valere i tuoi diritti per un’ipotetica causa di divorzio. (es. richiesta dell’ assegno di mantenimento, revisione dell’assegno di mantenimento ed in casi limite anche l’affidamento di minori).

 
© 2019 All rights reserved - Gruppo Ponzi investigazioni s.r.l. - PI 03716870237 - Privacy & Cookies Policy
Sede Legale: Via Roveggia n° 126 - 37136 - Verona - REA VR-359646 di Verona
Sede: Via Camillo Hajech n° 21 - 20129 - Milano - REA MI-2113772 di Milano
Sede: Via Aldo Moro n° 40 - 25124 - Brescia - REA BS-353658 di Brescia